Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
21 - 27 Gennaio 2018
Tempo Ordinario III, Colore verde
Lezionario: Ciclo B | Anno II, Salterio: sett. 3

I Santi del giorno

Lunedì 22 gennaio 2018

San Vincenzo

Diacono e Martire (Memoria facoltativa) - Patronato: Nostro Monastero di Bassano R.

BIOGRAFIA

S.Vincenzo, L'altare del santo nella nostra chiesa.

San Vincenzo, illustre martire di Gesù Cristo, nacque a Saragozza in Spagna. Sotto la disciplina di Valerio, vescovo di quella città, fu istruito nelle scienze e nella pietà. In breve fece tali progressi che meritò di essere ordinato diacono coll'incarico di predicare la parola divina. Ridotte all'essenziale, le notizie storiche sono che Vincenzo, durante la persecuzione di Diocleziano venne tradotto in catene da Saragozza a Valencia, per essere processato dinanzi al governatore Daciano, insieme al suo vescovo, e a Valencia subì il martirio probabilmente nel 304 dopo aver subito atroci tormenti. Egli fu tra i Santi più famosi, più amati e più venerati. In suo onore, sorsero innumerevoli chiese.

MARTIROLOGIO

San Vincenzo, diacono di Saragozza e martire, che dopo aver patito nella persecuzione dell'imperatore Diocleziano il carcere, la fame, il cavalletto e le lame incandescenti, a Valencia in Spagna volò invitto in cielo al premio per il suo martirio.

DAGLI SCRITTI...

Martirio di san Vincenzo.

Dai "Discorsi" di Sant'Agostino, vescovo
"A voi è stata concessa la grazia non solo di credere in Cristo, ma anche di soffrire per lui" (Fil 1,29).
Il diacono Vincenzo aveva ricevuto questi due favori e li custodiva. Se non li avesse ricevuti, che cosa avrebbe ricevuto? Aveva coraggio nel parlare, aveva forza nel soffrire. Nessuno presuma di se stesso quando parla. Nessuno confidi nelle sue forze quando sopporta una tentazione, perché, per parlare bene, la sapienza viene da Dio e, per sopportare i mali, da lui viene la fortezza. Ricordate Cristo Signore quando nel Vangelo ammonisce i suoi discepoli. Ricordate il re dei martiri che provvede le sue schiere di armi spirituali, fa intravedere la guerra, reca aiuto, promette il premio. Lui che aveva detto ai suoi discepoli: "Voi avrete tribolazione nel mondo" subito dopo, per consolarli perché si erano spaventati, soggiunse: "ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo"(Gv 16,33). Perché dunque ci meravigliamo carissimi, se Vincenzo ha trionfato in Colui che sconfitto il mondo? Disse Gesù: "Voi avrete tribolazioni nel mondo". State certi, però, che se calpesta non schiaccia, se assalta non riesce vincitore. Il mondo porta avanti una duplice battaglia contro i soldati di Cristo: lusinga per ingannare, spaventa per spezzare. Non ci trattenga il nostro piacere, non ci spaventi la crudeltà degli altri, e così trionferemo sul mondo. Cristo si fa incontro a noi ai due ingressi, e del piacere e della crudeltà, e così il cristiano non viene vinto. Se in questo martirio si considera la forza umana nella sofferenza, il fatto rimane incredibile. Ma se si riconosce la potenze divina, non desta più meraviglia. Quanta era la raffinatezza con la quale si infieriva sul corpo del martire, altrettanta era la tranquillità che traspariva dalla sua voce. Quanta era l'asprezza con la quale si incrudeliva selle sue membra e altrettanta era la sicurezza che si esprimeva nelle sue parole. Si sarebbe pensato che, mentre Vincenzo subiva la sua passione, uno sperimentasse la tortura e un altro diverso parlasse. E avveniva veramente così, fratelli. Avveniva proprio così: un altro parlava. Infatti Cristo nel vangelo ha promesso anche questo ai suoi testimoni, preparandoli alla battaglia. Questa è stata la sua raccomandazione: "Non preoccupatevi di come o di che cosa dovrete dire, perché vi sarà suggerito in quel momento ciò che dovrete dire: non siete infatti voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi" (Mt 10,19-20). Il corpo dunque veniva torturato e lo Spirito parlava, e alle parole dello Spirito non solo l'empietà veniva confutata, ma anche la debolezza veniva fortificata.



DA VEDERE (links esterni):

 

San Vincenzo Pallotti

Sacerdote (Memoria facoltativa)

BIOGRAFIA

SAN VINCENZO PALLOTTI, il sacerdote incaricato dal Cardinale Wiseman di costruire la chiesa di San Pietro, era nato a Roma nel 1795 e fu ordinato sacerdote nel 1818. Fu un tenace assertore dell'idea, per quell'epoca nuova, che ogni cristiano, e non solo i religiosi, abbia ricevuto da Gesù un missione da svolgere per la chiesa e per il mondo. Per mettere in pratica questa sua idea, egli fondo' nel 1835 l'Unione dell'Apostolato Cattolico. Questo movimento riuniva preti, monaci, suore e laici in una comunita' che aveva lo scopo di vivere e di fondere in tutto il mondo la consapevolezza della Buona Novella.

MARTIROLOGIO

San Vincenzo, diacono di Saragozza e martire, che dopo aver patito nella persecuzione dell'imperatore Diocleziano il carcere, la fame, il cavalletto e le lame incandescenti, a Valencia in Spagna volò invitto in cielo al premio per il suo martirio.