Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
31 Gennaio - 06 Febbraio 2021
Tempo Ordinario IV, Colore verde
Lezionario: Ciclo B | Anno I, Salterio: sett. 4

Commento alle Letture

Mercoledì 03 febbraio 2021

Il Signore è grande e buono nell'amore.

La prova non è segno dell'abbandono di Dio. Il Signore corregge e prova colui che ama. Bisogna superare il dolore del momento in attesa della gioia e della pace che verranno. Pur di non fare il male, dobbiamo resistere fino al sangue accettando con fede, sempre preoccupati di rispondere alla grazia del Signore e di non lasciarci prendere dal peccato: la radice velenosa che infetta la sofferenza ci colpisce e spesso non sappiamo perché. Sappiamo però che possiamo usarla per una realistica meditazione sulla fragilità della vita e per riconoscere che tuttavia Dio ha pietà di noi. Egli ci conosce e sa che siamo fatti di polvere. Ma ai suoi occhi non siamo polvere, bensì figli che Egli ama con tenerezza. È sempre l'incredulità il grande ostacolo alla salvezza, all'efficacia della presenza e dell'opera di Cristo. Senza fede il miracolo stesso non avviene. Nell'incredulità dei compaesani di Gesù è prefigurata l'obiezione di quanti non vorranno accogliere il Signore che si presenta in forma strana, senza promesse di prestigio, senza insegne di gloria. Egli semplicemente si meraviglia della nostra incredulità ma comunque va per i villaggi a insegnare e proclamare il Regno di Dio a coloro che hanno il cuore disposto... Apriamo il nostro cuore all'Amore di Dio.


Rito della benedizione di San Biaggio nella pagina del Santo

Apoftegmi - Detti dei Padri

"Abba Abramo, discepolo di abba Agatone, chiese ad abba Poemen: 'Come mai i demoni mi combattono?'. 'Ti combattono i demoni? - gli dice abba Poemen - Non combattono contro di noi finché facciamo la nostra volontà; infatti le nostre volontà sono demoni, e sono esse che ci tormentano, fino a quando non le compiamo. Vuoi vedere con chi combatterono i demoni? Con abba Mosè e quelli simili a lui".


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

L'OBBEDIENZA DEI DISCEPOLI

Il principale contrassegno dell'umiltà è l'obbedienza senza indugio. Essa è propria di coloro che ritengono di non aver nulla più caro di Cristo; i quali, sia per il servizio santo a cui si sono consacrati, sia per il timore della geenna e la gloria della vita eterna, non appena dal superiore viene comandato qualcosa, come se l'ordine venisse da Dio, non sopportano alcun ritardo nell'eseguirla. Di questi il Signore dice: «Appena ha udito, subito mi ha obbedito» (Sal 17,45); e ai maestri dice: «Chi ascolta voi, ascolta me» (Lc 10,16).

Cap.5,1-6.