Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
16 - 22 Maggio 2021
Tempo di Pasqua VII, Colore bianco
Lezionario: Ciclo B, Salterio: sett. 3

San Marco

25 Aprile
Evangelista

BIOGRAFIA

San Marco Evangelista

Giovanni, detto Marco, è figlio di Maria di Gerusalemme, nella cui casa si raduna la comunità cristiana e dove Pietro trova rifugio dopo la liberazione dal carcere (cf. At 12, 12). Cugino di Barnaba, collabora con Paolo nel primo viaggio missionario, fino in Panfilia, dove si separa da lui (cf. At 12, 25; 15, 37-38). Discepolo prediletto di Pietro – che lo chiama «figlio mio» (1 Pt 5, 13) –, compare di nuovo al fianco di Paolo a Roma (cf. Fm 24; Col 4, 10). A Marco la tradizione ha attribuito il Vangelo che porta il suo nome e riecheggia la predicazione dell'apostolo Pietro. In esso, si presenta Gesù come il «Cristo, Figlio di Dio» (Mc 1, 1) e si proclama che il Crocifisso è risorto (cf. Mc 16, 6 ). La sua festa è celebrata il 25 aprile anche dai Copti e dai Bizantini.

MARTIROLOGIO

Festa di san Marco, Evangelista, che a Gerusalemme dapprima accompagnò san Paolo nel suo apostolato, poi seguì i passi di san Pietro, che lo chiamò figlio; si tramanda che a Roma abbia raccolto nel Vangelo da lui scritto le catechesi dell'Apostolo e che abbia fondato la Chiesa di Alessandria.

DAGLI SCRITTI...

Interno della basilica di San Marco, Venezia.

Dal trattato «Contro le eresie» di sant'Ireneo, vescovo
La Chiesa, sparsa in tutto il mondo, fino agli ultimi confini della terra, ricevette dagli apostoli e dai loro discepoli la fede nell'unico Dio, Padre onnipotente, che fece il cielo la terra e il mare e tutto ciò che in essi è contenuto (cfr. At 4, 24). La Chiesa accolse la fede nell'unico Gesù Cristo, Figlio di Dio, incarnatosi per la nostra salvezza. Credette nello Spirito Santo che per mezzo dei profeti manifestò il disegno divino di salvezza: e cioè la venuta di Cristo, nostro Signore, la sua nascita dalla Vergine, la sua passione e la risurrezione dai morti, la sua ascensione corporea al cielo e la sua venuta finale con la gloria del Padre. Allora verrà per «ricapitolare tutte le cose» (Ef 1, 10) e risuscitare ogni uomo, perché dinanzi a Gesù Cristo, nostro Signore e Dio e Salvatore e Re secondo il beneplacito del Padre invisibile «ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra, e ogni lingua lo proclami» (Fil 2, 10) ed egli pronunzi su tutti il suo giudizio insindacabile.
Avendo ricevuto, come dissi, tale messaggio e tale fede, la Chiesa li custodisce con estrema cura, tutta compatta come abitasse in un'unica casa, benché ovunque disseminata. Vi aderisce unanimemente quasi avesse una sola anima e un solo cuore. Li proclama, li insegna e li trasmette all'unisono, come possedesse un'unica bocca.
Benché infatti nel mondo diverse siano le lingue, unica e identica è la forza della tradizione. Per cui le chiese fondate in Germania non credono o trasmettono una dottrina diversa da quelle che si trovano in Spagna o nelle terre dei Celti o in Oriente o in Egitto o in Libia o al centro del mondo. Come il sole, creatura di Dio, è unico in tutto l'universo, così la predicazione della verità brilla ovunque e illumina tutti gli uomini che vogliono giungere alla conoscenza della verità. E così tra coloro che presiedono le chiese nessuno annunzia una dottrina diversa da questa, perché nessuno è al di sopra del suo maestro.
Si tratti di un grande oratore o di un misero parlatore, tutti insegnano la medesima verità. Nessuno sminuisce il contenuto della tradizione. Unica e identica è la fede. Perciò nè il fecondo può arricchirla, nè il balbuziente impoverirla.