Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
06 - 12 Ottobre 2019
Tempo Ordinario XXVII, Colore verde
Lezionario: Ciclo C | Anno I, Salterio: sett. 3

Commento alle Letture

Sabato 12 ottobre 2019

Beato tu... No, beati noi!

Beato il grembo che ti ha portato! Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio. Un piccolo brano del Vangelo che contiene una grande verità. Il Vangelo può essere letto su due piani diversi. Nel primo si pensa alla salvezza come opera dell'uomo, che Dio pensa solo a ratificare verificandone l'efficacia. Questo è il piano delle sole aspettative umane attuato con norme predefinite. Nel secondo piano, l'opera di salvezza è dono gratuito di Dio che l'uomo accoglie ed accetta facendolo corrispondere alla coerenza della propria vita. Ci poniamo sul piano di Dio, nel quale possiamo inserire relazioni nuove e quasi inaspettate. Il piano della Grazia, nella quale si compie ciò che umanamente non può essere previsto. Leggiamo il brano di oggi sul piano semplicemente umano. Gesù che parla è interrotto. Una donna, la precisazione non è irrilevante, benedice il grembo che ha generato Gesù ed il seno da cui ha preso il latte. Un bell'atto di fede che avrebbe potuto dare la possibilità a Gesù di fare un elogio alla propria madre, Maria. La risposta di Gesù però risuona inaspettata e quasi di ingratitudine verso la propria madre. Gesù sembra anche mortificare questo bell'atto di fede della donna. Leggiamo, però lo stesso episodio sul piano di Dio. Gesù allora, senza rinnegare la sua origine umana, invita ad una diversa beatitudine: quella dei Figli di Dio. Nasce una relazione nuova, relazione d'amore nel quale troviamo in un posto privilegiato la stessa Maria, come prima discepola di Cristo. Nel piano di Dio, la lode verso la madre di Gesù è più piena e completa, riconoscendo in Maria colei che ha ascoltato la Parola di Dio e l'ha veramente messa in pratica. L'invito per noi allora è leggere la nostra storia nel piano di Dio, per diventare storia di salvezza.


Apoftegmi - Detti dei Padri

Un anziano ha detto: «Bisogna fuggire tutti gli artefici d'iniquità senza eccezione, siano amici o parenti, posseggano dignità di sacerdoti o di principi; perché evitare la loro compagnia ci procurerà l'intimità e l'amicizia di Dio».


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

IL LETTORE DI SETTIMANA

Si osservi a tavola un perfetto silenzio, in modo che non si oda alcun bisbiglio o altra voce all'infuori di quella del lettore. Quanto occorre per mangiare e bere, i fratelli se lo porgano a vicenda, senza che alcuno abbia bisogno di chiedere alcunché. Tuttavia, se proprio occorre qualcosa, lo si chieda col suono di un oggetto qualunque piuttosto che con la voce. E non ardisca nessuno chiedere spiegazioni su quanto si legge o su altro argomento, per non dare occasione di parlare; a meno che il superiore non voglia dire lui due parole di edificazione. Il fratello lettore di settimana, prima di incominciare a leggere, prenda un po' di vino e per rispetto alla santa comunione e perché non gli riesca troppo gravoso mantenere il digiuno; 11dopo, mangi con i settimanari di cucina e i servitori. I fratelli poi non devono leggere tutti per ordine di anzianità, ma soltanto quelli che possono farlo in modo da edificare chi ascolta.

Cap.38,5-12.