Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
06 - 12 Ottobre 2019
Tempo Ordinario XXVII, Colore verde
Lezionario: Ciclo C | Anno I, Salterio: sett. 3

Commento alle Letture

Mercoledì 09 ottobre 2019

La preghiera del Padre Nostro.

L'evangelista Luca narra delle circostanze nelle quali Gesù ha insegnato il Padre Nostro ai suoi discepoli. Uno dei doni più preziosi lasciatoci da Gesù nella sua missione terrena, la preghiera del Padre Nostro, proviene da una richiesta specifica dei discepoli. I discepoli sono abituati alla preghiera del loro Maestro. Lo vedono spesso appartarsi a pregare. Gesù vuol scegliere dei luoghi e dei momenti particolari per rivolgersi al Padre. Le veglie notturne, la solitudine di un monte, il silenzio del deserto sono le condizioni ideali per questa preghiera. I discepoli si rendono conto anche di un'altra particolarità. Gesù non prega come gli altri maestri del tempo. Con Gesù loro vedono che la preghiera è un legame intimo e profondo con il Padre. Si sentono quasi esclusi da questo comportamento di Gesù, però sono attenti e discreti. Aspettano, prima di rivolgerGli la lor richiesta, che abbia finito di pregare. Non è soltanto il rispetto per il loro maestro; dimostrano proprio questo momento particolarissimo e così importante del Signore. Nella preghiera di Gesù, i discepoli sono testimoni della particolare Rivelazione che si svolge nel silenzio della preghiera. I discepoli attendono fiduciosi e non vogliono interrompere questo particolare momento. Sul monte della preghiera di Gesù, quasi altro monte Tabor della Rivelazione di Gesù, i discepoli vogliono essere partecipi di questo momento per assaporare completamente la dolcezza di quel momento così intimo. Chiediamo allo Spirito che anche la nostra preghiera sia un momento di particolare unione con Dio perché Egli si riveli nella nostra vita.


Apoftegmi - Detti dei Padri

Un anziano diceva: «Non far mai nulla senza pregare e non avrai rimpianti».


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

I FRATELLI INFERMI

Per gli infermi ci sia un locale a parte destinato a tale scopo e un fratello infermiere pieno di timor di Dio, diligente e premuroso. L'uso dei bagni agli infermi si conceda ogni volta che è necessario; ai sani invece, specialmente ai più giovani, si permetta più di rado. Ai fratelli molto malati e ai più deboli si conceda anche di mangiare carne per rimettersi in forze; ma appena si siano ristabiliti, tutti si astengano dalle carni, come di consueto. Quindi l'abate abbia sommamente a cuore che gli infermi non siano trascurati dal cellerario o dagli assistenti; è responsabile lui di ogni mancanza dei discepoli.

Cap.36,7-10.