Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
07 - 13 Luglio 2019
Tempo Ordinario XIV, Colore verde
Lezionario: Ciclo C | Anno I, Salterio: sett. 2

Commento alle Letture

Giovedì 11 luglio 2019

Benedetto di nome e di fatto.

Tutta la Chiesa oggi rivolge lo sguardo ai secoli passati per ricordare la figura del Patriarca dei Monaci d'Occidente, che oltre 1500 anni fà iniziò la sua missione di vita eremitica, prima, e poi cenobitica. I monasteri che si ispirano alla sua Regola si diffondono in tutta l'Europa che viene evangelizzata per opera dei monaci. Mentre l'Impero romano cadeva sotto i colpi delle invasioni dei popoli nordici, San Benedetto istituiva i suoi monasteri dove gli stessi bàrbari, accolti e ammansiti, si facevano apostoli presso i loro connazionali... La lettura proposta alla nostra riflessione è tratta dal Libro dei Proverbi. Il santo Patriarca l'ha talmente assimilata nella sua riflessione e nella pratica della vita, da proporla all'inizio del Prologo della sua Regola ai suoi discepoli: "Ascolta, figlio, i precetti del maestro, e inchina l'orecchio del tuo cuore... affinché tu ritorni per il lavoro di obbedienza a Colui dal quale ti eri allontanato per l'accidia della disobbedienza"... E' un cammino di ritorno a Dio quello che ci viene suggerito dal brano che abbiamo ascoltato. Ma questo cammino, ci avverte ancora San Benedetto, non avrà alcun successo, se non è sorretto dalla sua grazia. A conferma di questo, il vangelo ci ripete: Io sono la vite e voi siete i tralci. Il tralcio non può portare alcun frutto se non è unito alla vite. San Benedetto, per rimanere unito a Cristo, per vincere le seduzioni della carne, è stato capace di gettarsi in mezzo a un cespuglio di spine nel momento della tentazione... E noi sappiamo toglierci da tante occasioni che inaridiscono il cuore e tarpano le ali impedendoci di volare verso il Signore, nella ricerca e nell'adempimento della sua volontà? Chiediamo oggi al Santo Patriarca la sua intercessione. Non solo per i monaci di oggi, non solo per noi ma per l'intera Europa perché possa essere per il mondo un vero e credibile MONDO di pace, di concordia, di serenità fondati sulle sane radici del Vangelo.


Apoftegmi - Detti dei Padri

Beati quelli che sanno ridere di sé: non finiranno di divertirsi!


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

VARIE SPECIE DI MONACI E LORO VITA

È noto che quattro sono le specie di monaci. La prima è quella dei cenobiti, cioè di coloro che vivono in monastero, militando sotto una regola e un abate. La seconda specie è quella degli anacoreti o eremiti; cioè di coloro che, non per un fervore da principianti nella vita monastica ma per un lungo tirocinio in monastero, resi ormai esperti con l'aiuto di molti, hanno imparato a combattere contro il diavolo e, ben addestrati, attraverso la lotta sostenuta insieme ai fratelli, per il combattimento da soli nell'eremo, sono ormai capaci, senza il conforto di altri ma unicamente con mani e braccia proprie, a lottare sicuri, con l'aiuto di Dio, contro i vizi della carne e dei pensieri.

Cap.1,1-5.