Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
26 Maggio - 01 Giugno 2019
Tempo di Pasqua VI, Colore bianco
Lezionario: Ciclo C, Salterio: sett. 2

Commento alle Letture

Mercoledì 29 maggio 2019

La guida alla Verità tutta intera.

C'è un anelito irrefrenabile dentro il cuore dell'uomo: conoscere la verità. Egli è invece consapevole che vive e orienta la propria vita sulla scia di verità parziali e mutevoli e da ciò derivano un malessere profondo e una serie di errori e di peccati. Cristo, che ha detto di essere Lui la verità, quella che è liberante per l'uomo, ora scandisce ancora una promessa solenne destinata a cambiare la storia dell'umanità: “Quando verrà lo Spirito di verità egli vi guiderà alla verità tutta intera”. Ecco come avviene la nostra liberazione dall'errore: è la luce stessa di Dio, che penetrando nel cuore dell'uomo e della storia, genera in ogni uomo l'orientamento sicuro verso le verità ultime ed immutabili. Così si ritorna sulle vie di Dio, così tutto quello che Cristo stesso ci ha detto e ha fatto entra in noi come verità piena, come giuda sicura, come certezza del presente e del futuro. E' la consapevolezza di essere amati dal Signore a far rinascere in noi la verità su di Lui, su noi, sul nostro prossimo, sul destino eterno della nostra vita. E' tempo di iniziare a pregare con la migliore fede ed intensità: “Vieni, Spirito Santo, riempi i cuori dei tuoi fedeli!”.


Apoftegmi - Detti dei Padri

Il padre Dula diceva: "Tronca molte relazioni, perché il tuo spirito non venga assediato da una guerra che lo distrugga e turbi l'unione con Dio".


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

I FIGLI DEI NOBILI E DEI POVERI

Quanto poi alle sue sostanze, promettano sotto giuramento nella carta di petizione che né per sé né per mezzo di un loro rappresentante né in qualunque altro modo gli daranno mai alcuna cosa e neppure occasione di averla; oppure, se non vogliono fare così ma intendono offrire qualcosa in elemosina al monastero quale compenso, facciano regolare donazione dei beni che desiderano dare, riservandosene eventualmente l'usufrutto. E così siano precluse tutte le vie per cui al fanciullo non rimanga alcuna illusione, ingannato dalla quale egli possa - non sia mai! - perdersi: cosa che purtroppo abbiamo appreso per esperienza. Allo stesso modo facciano i genitori meno ricchi. Quelli poi che non hanno proprio nulla stendano semplicemente la petizione e offrano, davanti a testimoni, il proprio figlio insieme all'oblazione della Messa.

Cap.59,3-8.