Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
13 - 19 Dicembre 2015
Tempo di Avvento III, Colore rosa
Lezionario: Ciclo C, Salterio: sett. 3

Commento alle Letture

Domenica 13 dicembre 2015

Che cosa devo fare?

Il brano del vangelo ci presenta la predicazione di Giovanni il Battista. La sua vita austera, trascorsa nella solitudine e nella meditazione della Parola di Dio esercita un fascino forte verso tutte le persone nei vari ruoli della società. Si presentano a lui le folle, i pubblicani, e anche i soldati desiderosi di una indicazione sul proprio comportamento. Così invita a opere di carità le folle; alla giustizia i pubblicani; alla moderazione e al rispetto i soldati. E’ tanto l’entusiasmo verso la sua persona da parte della folla che lo credono il Messia. Abbiamo allora una chiara testimonianza di Giovanni e nello stesso tempo l’annunzio della presenza del Cristo che non battezzerà soltanto con acqua, come faceva lui, ma in spirito santo e fuoco: annuncio di una salvezza universale. Per accoglierla con animo sereno è necessaria la purezza del cuore. Giovanni presenta il Cristo come un grande purificatore che toglierà tutti gli scandali bruciandoli nel fuoco e raccogliendo nei granai il frumento purificato dalla pula, dalle immondizie. Il tempo di attesa è anche tempo di preparazione. Ascoltando la predicazione di Giovanni, pressante invito al rinnovamento spirituale, anche noi sentiamo il bisogno di chiederci: che cosa devo fare?
Le risposte di Giovanni a questo interrogativo, valgono anche per noi: Aprire il cuore alle necessità dei fratelli, non esigere dagli altri quello che noi non siamo capaci di fare, guardare l’altro non con l’occhio di accusatore, ma con animo pieno di comprensione. Il nostro avvicinamento a Dio parte sempre dalla pratica del vero amore verso il prossimo, come afferma l’Evangelista Giovanni in una sua lettera.


Apoftegmi - Detti dei Padri

L'abba disse che lui cominciava ogni giorno.


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

L'ELEZIONE DELL'ABATE

Detesti i vizi, ami i fratelli. Anche quando deve correggere, agisca con prudenza e sia attento a non eccedere, perché non accada che a voler troppo raschiare la ruggine si rompa il vaso; abbia sempre presente la sua fragilità e ricordi che non si deve spezzare una canna incrinata (cf. Is 42,3; Mt 12,20). Con questo non vogliamo dire che debba permettere l'alimentarsi dei vizi, ma che usi prudenza e carità nello stroncarli, scegliendo il modo più adatto per ciascuno, come abbiamo già detto. E miri ad essere amato piuttosto che temuto.

Cap.64,11-15.