Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
09 - 15 Gennaio 2022
Tempo Ordinario I, Colore verde
Lezionario: Ciclo C | Anno II, Salterio: sett. 1

Commento alle Letture

Venerdì 14 gennaio 2022

La guarigione del paralitico.

"Essendo entrato di nuovo a Cafarnao…", "si udì che era in casa". Questi due primi versi ci collegano in qualche modo agli eventi del primo capitolo. Ed alcuni pensano che probabilmente Gesù si era ritirato nella casa di Pietro. Si può arrivare al Signore per diverse vie e tentativi. Ce lo dimostra chiaramente il vangelo di oggi. "Ed ecco, alcuni uomini, portando su un letto un uomo che era paralizzato, cercavano di farlo entrare e di metterlo davanti a lui". La cosa che colpisce è quel forte tentativo di questi uomini di fede, di portare il malato davanti a Gesù. Ci provano ma non ci riescono per le vie normali. Ma non per questo abbassano le braccia. Le difficoltà cioè accrescono la loro determinazione, e quindi pensano una nuova e forse ultima soluzione. Infatti: "non trovando da quale parte farlo entrare a causa della folla, salirono sul tetto e, attraverso le tegole, lo calarono con il lettuccio davanti a Gesù nel mezzo della stanza". Molti spesso avrebbero bisogno di incontrare Gesù ma non hanno "attrezzi" per poterlo fare da soli. Non hanno forse anche la fede sufficiente e quindi non riescono nemmeno a pregare come il paralitico del vangelo di oggi che non solo non può camminare ma non riesce neanche a parlare a Gesù. E quindi anche in questo brano, come ieri, si manifesta l’importanza dell’intercessione. E quanto sia influente la preghiera fatta per gli altri. Anche se non riusciamo a portarli a Gesù per “la porta principale” della chiesa, diamoci noi stessi come via alternativa per far arrivare comunque a Lui. Il vangelo continua dicendo che Gesù "vedendo la loro fede, disse: Uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati". Sembra che sia la fede di questi uomini, portatori, intercessori, la causa prima del miracolo della guarigione del paralitico. Ecco perché la preghiera fatta con fede in favore degli altri è tanto salutare. Il brano ci sproni di pregare più spesso gli uni per gli altri.


Apoftegmi - Detti dei Padri

Ad un Abba chiesero: cosa è la rabbia? E lui rispose: è una punizione che noi diamo a noi stessi per l'errore di qualcun altro.


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

QUALE DEVE ESSERE L'ABATE

L'abate pertanto non deve insegnare né stabilire né ordinare nulla che sia contrario - ciò non sia mai! - alla legge del Signore; ma i suoi comandi e i suoi insegnamenti infondano nell'animo dei discepoli un fermento della giustizia divina. Ricordi sempre l'abate che tanto della sua dottrina quanto dell'obbedienza dei discepoli, di tutte e due le cose si farà un esame rigoroso nel tremendo giudizio di Dio.

Cap.2,4-6.