Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
29 Novembre - 05 Dicembre 2020
Tempo di Avvento I, Colore viola
Lezionario: Ciclo B, Salterio: sett. 1

Commento alle Letture

Giovedì 03 dicembre 2020

Entri il popolo giusto che mantiene l'alleanza.

La Liturgia della parola di oggi ci presenta due fatti differenti: da una parte l'incredulità dell'uomo e dall'altra il suo fondamento, la necessità del fondamento, appoggio sulla roccia. Il primo ci ricorda l'evento catastrofico di Babilonia nel quale l'uomo fondò la sua radice nella sicurezza su se stesso, sugli idoli e quindi ha rotto la sua alleanza con il Signore, subendone anche le conseguenze. Il profeta Isaia, per volontà del Signore, annunzia e proclama la grande rivelazione che la sicurezza dell'uomo viene da Dio e dalla fedeltà a lui, la vera garanzia di vita. Aggiunge poi il salmista che "è meglio rifugiarsi nel Signore che confidare nell'uomo". Tutto questo per Matteo, è il punto di partenza sull'ascolto docile della parola del Signore e il presupposto per metterla in pratica. L'uomo, fidandosi di Dio, realizza pienamente la sua alleanza perenne, la sua adesione intima, fonda cioè la sua vita sulla roccia, che è Cristo, Figlio Unico, pietra angolare su cui il Padre costruisce la sua forte dimora e città del suo popolo.


Apoftegmi - Detti dei Padri

Un fratello domando all'anziano: "Come entra nell'anima il timore di Dio?". Disse l'anziano: "se l'uomo è umile, povero, e se non giudica gli altri, il timore di Dio entra in lui".


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

I MONACI PELLEGRINI

Inoltre se l'abate lo giudica degno, potrà assegnargli un posto più elevato. E questo non valga solo per un monaco, ma anche per uno che provenga dai sopraddetti gradi dei sacerdoti e dei chierici: cioè, se l'abate vede che la loro condotta lo merita, potrà elevarli a un posto superiore a quello dovuto per l'ingresso in monastero. L'abate però si guardi bene dall'ammettere nella propria comunità un monaco di altro monastero conosciuto, senza il consenso o le lettere commendatizie del suo abate, perché sta scritto: «Non fare agli altri quello che non vuoi sia fatto a te» (cf. Tb 4,16; Mt 7,12).

Cap.61,11-14.