Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
29 Settembre - 05 Ottobre 2019
Tempo Ordinario XXVI, Colore verde
Lezionario: Ciclo C | Anno I, Salterio: sett. 2

Commento alle Letture

Domenica 29 settembre 2019

Beati i poveri in spirito...

In vita tu hai ricevuto beni e Lazzaro mali; ora lui è consolato e tu sei in mezzo ai tormenti. Una parabola molto nota, quella che ci propone la liturgia odierna. Per la sua chiarezza, una sua semplice lettura, ci indica già un profondo insegnamento di Gesù. L'attenzione è oggi rivolta verso l'uso delle ricchezze, rimproverando un loro uso in modo non generoso. L'esortazione è per chi tende semplicemente a costruire un regno terreno fatto solo di beni materiale e con il rischio di perdere anche i veri valori umani. L'esortazione di Gesù è infatti a considerare i poveri che ci stanno vicino. Certamente Egli parla della povertà materiale. Una povertà che oggi è diffusa e che si sta diffondendo, anche perché - con gli strumenti di comunicazione di massa sempre più efficienti - i nostri "vicini" appartengono sempre di più a vaste aree della terra. Nella figura di Lazzaro, però possiamo trovare tutti quelli che chiedono il nostro aiuto, materiale ma anche spirituale. La povertà che sempre di più fa paura nel cosiddetto "mondo ricco" è quella della solitudine, dell'abbandono, della malattia che nessuno vuol guarire. Gesù ci invita a non nasconderci dietro un perbenismo che in realtà erige steccati fondati su giudizi o pregiudizi. Quanti "Lazzaro" incontriamo, e a quanti prestiamo veramente soccorso? Può essere interessante guardare alla figura del ricco. Gesù ce la presenta come un gaudente, dedito solo allo svago quotidiano, in una esistenza assolutamente frivola. A prima vista, ci sembra che questo ricco sia lontano dalla nostra mentalità. Chi può dire di avere tante ricchezze e chi può permettersi il lusso quotidiano come il ricco della parabola? Una analisi più attenta, soprattutto in riferimento alla mentalità dell'epoca, ci fa scorgere, in quest'atteggiamento del ricco, un qualcosa che ci può riguardare. La ricchezza era considerata benedizione di Dio e quindi poteva essere giusto spenderla come si ritiene più opportuno, e senza molti rimorsi della coscienza. Gesù non specifica come quest'uomo, il protagonista della parabola, sia diventato ricco. Non possiamo presumere che ci sia stato anche un arricchimento illecito; potrebbe essere dovuto a ricchezza familiari, per il conseguimento di un'eredità o frutto di un lavoro onesto. Vestire in modo ricercato e mangiare con gli amici, di per sé, non può essere definita come un'azione cattiva. Da come Gesù ci presenta la parabole, la povertà di Lazzaro non è imputabile al ricco e neanche le sue sofferenze sono una causa diretta del suo agire. Qual'è, allora, la vera colpa che Gesù imputa a questo ricco? Semplicemente che, nell'ordinarietà della sua esistenza non si è accorto di qualcuno che chiedeva il suo aiuto. Può essere, questo il nostro caso? Possiamo sentirci, infatti soddisfatti di ciò che abbiamo legittimamente raggiunto e, con diritto, ne godiamo con che riteniamo giusto. Il diritto sociale giustificherebbe, quindi - in questa prospettiva - qualsiasi nostra disattenzione, anche se non volontaria. La vigilanza evangelica in questa parabola, si incarna sulla necessità di avere occhi e cuore pronti per chi chiede il nostro aiuto.


Quest anno la festa dei Santi Arcangeli si omette.

Preghiera
San Michele Arcangelo, difendici nella lotta: sii il nostro aiuto contro la malvagità e le insidie del demonio. Supplichevoli ti preghiamo che Dio lo dòmini e tu Principe delle Milizie celesti, con il potere che ti viene da Dio, incatena nell'inferno satana e gli altri spiriti maligni che si aggirano per il mondo per perdere le anime. Amen.

Apoftegmi - Detti dei Padri

Fu domandato a un anziano: «Come avviene che io mi scoraggi senza tregua?». «Perché non hai ancora visto la meta», rispose.


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

QUALE DEVE ESSERE IL CELLERARIO DEL MONASTERO

Come cellerario del monastero sia scelto uno dei membri della comunità che sia saggio, maturo, sobrio, non mangione, non superbo, non turbolento, non insolente, non gretto, non prodigo, ma pieno di timor di Dio e che sia come un padre per tutta la comunità. Abbia cura di tutti; non faccia nulla senza il consenso dell'abate; si attenga agli ordini ricevuti. Non contristi i fratelli; se per caso uno di loro gli chiede qualcosa fuori posto, non lo rattristi respingendolo con disprezzo, ma con buone ragioni e con umiltà dica di no alla sua richiesta inopportuna. Abbia cura della propria anima, memore sempre di quel detto dell'apostolo che chi avrà ben servito si acquisterà un grado onorifico (1 Tm 3,13). Riservi ogni premura con la massima sollecitudine specialmente agli infermi, ai fanciulli, agli ospiti e ai poveri, ben sapendo che di tutti questi dovrà rendere conto nel giorno del giudizio.

Cap.31,1-9.