Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
21 - 27 Ottobre 2018
Tempo Ordinario XXIX, Colore verde
Lezionario: Ciclo B | Anno II, Salterio: sett. 1

Commento alle Letture

Lunedì 22 ottobre 2018

Quello che hai preparato a chi andrà?

La parabola di oggi descrive un uomo che fa consistere la propria sicurezza nell'accumulo dei suoi beni. Racconta Luca che un tale disse a Gesù: “Maestro di' a mio fratello che divida con me l'eredità”. La replica pronta del Signore fu: “O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore tra voi?” Gesù è venuto a salvarci, e proprio per questo non può consentire che noi ci impossessiamo egoisticamente di quello che ci può impedire di salvarci. L'uomo è capace di amare o di credere di amare, senza che il suo oggetto fondamentale sia Dio, ma chi non lo preferisce ad ogni altra cosa, il suo amore è fuorviante. La ricchezza per se stessa non è un valore sommo. “Anche se uno è nell'abbondanza, la sua vita non dipende dai suoi beni”. Ciò che si crede essere sicurezza di vita, dissemina ovunque segni di morte. La vita infatti è dal Padre, per questo sei figlio suo, e fratello di tutti. Se la tua vita è dalle cose, lui non è più tuo Padre e i fratelli sono tuoi contendenti. Il destino dell'uomo dipende dunque dall'uso corretto delle creature: o sono mezzi per amare Dio e il prossimo, o diventano fine o surrogato di Dio. “Che farò?” L'insensato proprietario è deciso ad accrescere i suoi beni, dai quali può assicurarsi un futuro senza pensieri. “Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e datti alla gioia”. Ha idolatrato il suo denaro e i suoi averi. E' un uomo stolto che non sa dare alla sua vita altro significato che lo sfruttamento egoistico. Dio però lo desta dalla sua stupidità. “Stolto, questa notte stessa, ti sarà richiesta la tua vita”. Ci viene posto un problema: essere ricchi o poveri davanti a Dio. Il concetto di povertà e di ricchezza per il Signore non coincide con il nostro. E' povero davanti a Dio “chi accumula ricchezze solo per sé”, chiuso ai valori del Regno e alla divisione con gli altri. Invece è ricco chi mantiene la sua vita e il suo cuore aperti a Dio e sa mettere al servizio dei fratelli la sua abbondanza o la sua scarsità.


Preghiera per implorare Grazie per intercessione di San Giovanni Paolo II

O Trinità Santa, ti ringraziamo per aver donato alla Chiesa il papa Giovanni Paolo II e per aver fatto risplendere in lui la tenerezza della tua paternità, la gloria della Croce di Cristo e lo splendore dello Spirito d’amore.
Egli, confidando totalmente nella tua infinita misericordia e nella materna intercessione di Maria ci ha dato un’immagine viva di Gesù Buon Pastore, e ci ha indicato la santità come misura alta della vita cristiana ordinaria quale strada per raggiungere la comunione eterna con te. Concedici, per sua intercessione, secondo la tua volontà, la grazia che imploriamo, nella speranza di essere esauditi. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.

Apoftegmi - Detti dei Padri

Un fratello domandò a un anziano: «Che devo fare, Abba, per combattere i pensieri?». Egli rispose: «Prega il Signore, affinché gli occhi della tua anima vedano gli aiuti che Dio ti manda per proteggerti.


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

Capitolo 43
QUELLI CHE GIUNGONO TARDI ALL'UFFICIO DIVINO O ALLA MENSA

Abbiamo creduto opportuno che questi tali rimangano all'ultimo posto o in disparte perché, vedendosi esposti allo sguardo di tutti, si correggano se non altro per la vergogna che ne provano. Infatti, se restassero fuori dell'oratorio, potrebbe darsi che qualcuno torni a coricarsi e a dormire oppure si metta seduto lì fuori e si perda in chiacchiere, dando così occasione al maligno; entri invece dentro, affinché per lo meno non perda tutto e si corregga per l'avvenire. Nelle Ore del giorno, chi non sarà ancora presente all'Opus Dei dopo il versetto e il Gloria del primo salmo che segue il versetto, se ne stia all'ultimo posto secondo la norma stabilita sopra, e non ardisca associarsi al coro dei fratelli che salmeggiano prima di aver fatto la penitenza, a meno che l'abate non glielo permetta per sua concessione; ma anche in tal caso il colpevole deve fare la penitenza.

Cap.43,7-12.