Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
20 - 26 Aprile 2014
Tempo di Pasqua I, Colore bianco
Lezionario: Ciclo A, Salterio: sett. 1

Commento alle Letture

Lunedì 21 aprile 2014

Annunziate ai miei fratelli: vadano in Galilea, là mi vedranno.

Il testo liturgico si compone di due scene: l'apparizione di Gesù alle donne con il loro annuncio ai discepoli e il rifiuto delle autorità religiose ufficiali di credere alla risurrezione di Gesù, mettendo a tacere il diffondersi dell'annuncio delle donne. Di fatto i due racconti si richiamano alla risurrezione e al sepolcro vuoto. Ma le due narrazioni sono legate soprattutto da un elemento di contrasto. Le donne hanno visto il sepolcro vuoto e l'angelo biancovestito e, mentre erano sul cammino del ritorno, incontrarono Gesù, che veniva verso di loro ed esse lo adorarono. Gesù disse loro: "Non temete, andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno". Anche le guardie hanno visto l'angelo della risurrezione sotto una potente forza da soccombere di paura e così dovettero rendere alle autorità religiose una inconfondibile testimonianza dell'accaduto. E che risposta ricevono? "Dite che i suoi discepoli sono venuti di notte e lo hanno rubato, mentre voi dormivate". Quanto di più falso e di inconsistente si potesse dire! All'opposto sia per le donne che per le guardie il testo evangelico parla di 'timore' che nella bibbia indica la percezione da parte dell'uomo della presenza di Dio. Dunque, le donne e le guardie si sono trovate di fronte alla medesima realtà della risurrezione, e tuttavia le une hanno creduto, le altre, costrette, no. Come dire che la ragione può sempre trovare - in buona o cattiva fede - una via per rifiutare il Cristo risorto. Egli è infatti una realtà alla quale hanno accesso solo la fede semplice e il cuore puro. Infine, che dire della predilezione del Signore Gesù che nelle sue prime apparizioni pasquali ha privilegiato le donne? Quando la cultura del tempo e le tradizioni erano sull'altra sponda? Sarebbe un tema molto interessante. Anche per la meditazione... a partire dal ruolo della Madonna santissima presente non solo sotto la croce ma anche nel Cenacolo.


Apoftegmi - Detti dei Padri

Un fratello interrogò un anziano: «Che fare? Una moltitudine di pensieri mi fa guerra e non so come resistere». Disse l'anziano: «Non lottare mai contro tutti, ma contro uno solo. Poiché tutti i pensieri degli uomini hanno una testa sola. Bisogna dunque esaminare quale sia realmente quell'unico pensiero e quale la sua natura, poi lottare contro di esso. Allora tutti gli altri pensieri perderanno la loro forza».


Dalla Regola del nostro Santo Padre Benedetto

QUELLI CHE GIUNGONO TARDI ALL'UFFICIO DIVINO O ALLA MENSA

Quando è l'ora dell'Ufficio divino, appena si sente il segnale, si lasci subito quanto si ha tra le mani e si corra con la massima sollecitudine, ma sempre con gravità, per non dare adito alla leggerezza. Nulla quindi si anteponga all'Opera di Dio. Se qualcuno alle Vigilie notturne arriverà dopo il Gloria del salmo 94 - che appunto per questo vogliamo sia detto in modo molto pacato e lento - non occupi in coro il posto suo, ma se ne stia all'ultimo oppure in disparte, in un posto che l'abate avrà destinato proprio per tali ritardatari, in modo che sia visto da lui e da tutti, fino a che, terminato l'Ufficio divino, dia soddisfazione con una pubblica penitenza.

Cap.43,1-6.