Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
17 - 23 Febbraio 2019
Tempo Ordinario VI, Colore verde
Lezionario: Ciclo C | Anno I, Salterio: sett. 2

Apoftegmi - Detti dei Padri

Pagina 1 di 1


1 gennaio - 2 luglio

Disse un giorno abba Ilarione: «Essere tristi è quasi sempre pensare a se stessi»

2 gennaio - 3 luglio

Disse abba Eulogio: «Non parlatemi dei monaci che non ridono mai. Non sono seri».

3 gennaio - 4 luglio

«Abba - chiese un giorno un fratello al grande Antonio - perché, quando ti lodano, tu non rifiuti le lo-di? Rispose il padre dei monaci: Perché capita che rifiutiamo le lodi non per modestia, ma per essere lodati due volte...».

4 gennaio - 5 luglio

Semina la gioia nel giardino di tuo fratello e la vedrai fiorire nel tuo.

5 gennaio - 6 luglio

Non giudicate Dio dalla balbuzie dei suoi ministri!  (F.Mauriac)

6 gennaio - 7 luglio

E abba ha detto: Saper parlare è un dono di molti. Saper tacere una saggezza di pochi. Saper ascoltare una generosità di pochissimi.

7 gennaio - 8 luglio

Non è necessario dire tutto quel che si pensa; ma è necessario pensare tutto quel che si dice.

8 gennaio - 9 luglio

«Un uomo attraversò terre e mari per verificare di persona la fama straordinaria di un grande maestro. "Che miracoli ha operato il vostro maestro?", chiese a un discepolo. Egli rispose: "C'è miracolo e mi-racolo. Nel tuo paese è considerato un miracolo che Dio faccia la volontà di qualcuno. Da noi, invece, è considerato un miracolo che qualcuno faccia la volontà di Dio"».

9 gennaio - 10 luglio

Un monastero si era ridotto in tutto all'abate e a quattro monaci, già anziani. L'abate, disperato, pensò di chiedere consiglio a un saggio rabbino suo amico. «Vi posso solo dire - rispose costui - che il Messia è tra voi». I monaci, udito questo, cominciarono a trattarsi l'un l'altro con straordinario rispetto e venerazione, poiché c'era la possibilità che sotto l'apparenza di uno di essi si nascondesse il Messia. La fama di quello straordinario amore fraterno si diffuse e alcuni visitatori cominciarono ad arrivare al monastero, curiosi di vedere quel luogo privilegiato. Poi ne arrivarono altri. Dopo qualche tempo, uno di loro chiese di entrare nell'Ordine. A questo seguirono altri, sempre più numerosi. In pochi anni, il monastero diventò un meraviglioso centro di amore fraterno e un focolare di nuove vocazioni...

10 gennaio - 11 luglio

Beati quelli che sanno ridere di sé: non finiranno di divertirsi!

11 gennaio - 12 luglio

Si sa che se qualcuno prende in mano dell'olio per ungere un infermo prima ne gode lui stesso. La stessa cosa con avviene nella preghiera di intercessione.

12 gennaio - 13 luglio

Un abba è stato invitato ad un monastero di città. Non volle lasciare il suo eremo ma poi acconsenti e ci andò. Passeggiavano nel rumore tra carri e buoi e l'abba disse: tu, senti cantare il grillo? Un grillo?!... si meravigliò il monaco di città... in questo rumore, impossibile... l'abba si girò e gli fece vedere il grillo su di un albero che cantava proprio per lui. Eh... disse il monaco di città, voi del deserto avete un orecchio più acuto. L'abba tirò fuori una moneta d'argento e la getto sul marciapiede. E mentre essa cadeva si è sentito appena un rimbalzo metallico sulle pietre... In un istante tutti quelli che erano lì vicino si sono girati toccando le loro saccocce... Questo lo raccontò per spiegare la parabola "lì dov'è il tuo tesoro c'è anche il tuo cuore...".

13 gennaio - 14 luglio

Tutti i santi giorni il giovane monachello veniva dall'abba Irino a fargli la stessa domanda: come fare per trovare Dio? E tutti i santi giorni l'abba Irino gli dava la stessa risposta: Desìderalo e lo troverai! Ma io – gli rispondeva il monachello – lo desidero tanto, perché non lo trovo...?! Un giorno sono andati tutt'e due a far lavoro nella diga dell'eremo. L'abba Irino afferrò il monachello e lo spinse sotto l'acqua. Lo tenne per un po' così, mentre il poveretto si dibatteva per svincolarsi dalla presa. Quando sono usciti era l'abba Irino a fargli la domanda. Cosa desideravi di più mentre ti tenevo sott'acqua? L'aria - rispose il monachello. Quando desidererai di cercare disperatamente Dio come hai desiderato l'aria avrai trovato Dio.