Liturgia della Settimana

@Liturgia_silv su Twitter preparata dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT)  
11 - 17 Aprile 2021
Tempo di Pasqua II, Colore bianco
Lezionario: Ciclo B, Salterio: sett. 2

Apoftegmi - Detti dei Padri

Pagina 9 di 10


9 giugno - 9 dicembre

Il padre Isaia disse: "se uno vuole rendere male per male, può ferire la coscienza del fratello anche con un solo cenno".

10 giugno - 10 dicembre

Abba disse: "Non attaccarti con il tuo cuore a colui di cui il tuo cuore non è sicuro".

11 giugno - 11 dicembre

Il padre Zaccaria disse: "secondo me, monaco è colui che in ogni cosa fa violenza a se stesso".

12 giugno - 12 dicembre

L'abba Isaia rispose alla domanda: "Che cos'è l'amore del denaro?». "È il non credere che Dio si prenda cura di te, il disperare delle sue promesse, e il voler farti grande da solo".

13 giugno - 13 dicembre

L'abba disse che lui cominciava ogni giorno.

14 giugno - 14 dicembre

Un fratello disse al padre: "se cado in qualche misera colpa, il mio pensiero mi consuma e mi condanna, 'dicendomi perché sei caduto?'" Disse a lui l'anziano: "nel momento in cui l'uomo cade in una mancanza e dice: 'ho peccato!', subito trova quiete".

15 giugno - 15 dicembre

Un fratello disse al padre: "Perché non riesco essere libero nel dire al padre spirituale i miei pensieri?". Rispose a lui l'anziano: "il padre Giovanni Nano disse di sforzarsi perché di nulla il nemico gode tanto come di chi non manifesta i suoi pensieri".

16 giugno - 16 dicembre

Il padre Elia disse: "Io ho timore di tre cose: di quando l'anima uscirà dal corpo, di quando mi incontrerò con Dio, di quando la sentenza sarà profferita su di me".

17 giugno - 17 dicembre

Disse il padre Elia, il diacono: "che cosa può il peccato dove vi è il pentimento? A che giova l'amore dove c'è orgoglio?".

18 giugno - 18 dicembre

I monaci chiesero all'abba: "che cos'è la maldicenza?". Risposta: "misconoscere la gloria di Dio e invidiare il prossimo".

19 giugno - 19 dicembre

Si lamentò il monaco Giovanni al padre spirituale: quando eravamo a Scete la nostra principale occupazione era quella dell'anima, mentre il lavoro manuale era un'occupazione secondaria. Ma ora il lavoro dell'anima e divenuto secondario e il lavoro secondario è divenuto il principale che oscura Dio.

20 giugno - 20 dicembre

L'abba disse: "non vi è virtù così grande come il non disprezzare".

21 giugno - 21 dicembre

Il padre Teodoro racconto: "Quando ero più giovane, ho abitato nel deserto. Un giorno andai al forno per fare due pani, ritrovai un fratello che voleva fare del pane, ma non aveva nessuno che gli desse una mano. Lasciai allora i miei pani per aiutarlo. Ma, appena fui libero, giunse un altro fratello, e ancora gli diedi una mano e feci i pani per lui. Quindi ne giunse un terzo e feci altrettanto, così per tutti quelli che venivano al forno della comunità: feci in tal modo sei infornate di pani. Infine, quando non venne più nessuno, feci i miei due pani".

22 giugno - 22 dicembre

Il padre disse: "Non giudicare il fornitore se sei continente perché tu trasgredisci altrettanto la legge. Infatti colui che ha detto: non fornicare, ha detto anche: non giudicare".

23 giugno - 23 dicembre

Disse: "Come la cera si scioglie dinanzi al fuoco così l'anima è svuotata dalle lodi".

24 giugno - 24 dicembre

Disse il padre Silvano: "guai a quel uomo, la cui fama è maggiore della sua opera".

25 giugno - 25 dicembre

Disse: "quanto più gli atleti fanno progressi, tanto più è forte l'avversario che attacca".

26 giugno - 26 dicembre

Disse: "Come si dissipa un tesoro scoperto, così qualsiasi virtù, quando è resa notoria e manifesta, svanisce.

27 giugno - 27 dicembre

Disse: "fare elemosine è comunque cosa buona: anche se si fanno per piacere agli uomini, si volgono poi in cosa gradita a Dio".

28 giugno - 28 dicembre

Il Padre Titeos disse: "Dominare la propria lingua: ecco la vera virtù".